Il portale
dell'Unione Buddhista
Italiana

GATE

Eventi

Torna il film “Il Cielo è mio” del regista curdo iraniano Ayoub Naseri – Martedì 9 gennaio 2024 dalle ore 17.00 – Cinema Arlecchino
Via S. Pietro all’orto, 9 Milano

Dopo il 9th International Documentary Festival Visioni dal Mondo, Italia, il 10th Duhok International Film Festival, Iraq e il 6th MyFirstDoc International Documentary Festival, Tunisi, torna il film “Il cielo è mio” del regista Ayoub Naseriche nel 2023 ha ricevuto il Premio Riconoscimento Rai Cinema dal Visioni dal Mondo e il Premio Miglior Documentario Internazionale da Duhok IFF.

 

Martedì 9 gennaio 2024 dalle ore 17.00 – Cinema Arlecchino
Via S. Pietro all’orto, 9 Milano

 

Nuovi miracoli a Milano (e dintorni)

Una serata speciale, dedicata a Milano, inaugura il nuovo anno per il Club del Martedì presentato da Wanted Cinema all’Arlecchino in collaborazione con la Cineteca Italiana. Quattro nuovi documentari, presentati e premiati all’ultima edizione del festival “Visioni dal Mondo”, fotografano una Milano nascosta sotto il glamour della moda e del design. A oltre settant’anni anni da Miracolo a Milano di Vittorio De Sica, otto registi di diverse generazioni indagano il sottobosco di una capitale morale con l’anima divisa in due. Una maratona di sei ore con quattro film e altrettanti incontri con gli autori.

 

Programma

17:00 – proiezione PUNTI DI VISTA (86’) di Pepi Romagnoli
18:30 – incontro con la regista (20’)
18:50 – proiezione IL CIELO È MIO (65’) di Ayoub Naseri
19:55 – incontro con il regista (20’)
20:15 – proiezione LA PRIMAVERA È PRIMAVERA ANCHE IN CITTÀ (54’) di Mattia Arreghini, Valerio Di Martino, Raffaele Greco, Elia Storchi
21:10 – incontro con i registi (20’)
21:30 – proiezione LIFE IS A GAME (60’) di Luca Quagliato, Laura Carrer
22:30 – incontro con i registi (20’)

 

 

IL CIELO È MIO

Regia: Ayoub Naseri
Montaggio: Ayoub Naseri
Produzione: Unione Buddhista Italiana
Fotografia: Nicola Zambelli, Ayoub Naseri
Produttore: Ayoub Naseri Durata: 65′
Paese: Italia Anno: 2023 Aziz, un insegnante d’arte afgano, evacuato dai militari italiani con la sua famiglia, viene accolto nell’Abbazia di Mirasole, alle porte di Milano, dove si sforza ricominciare con i suoi figli, soprattutto l’amatissimo Erfan, disabile. Il ragazzo non vede l’ora di costruire una nuova vita, affascinato dalla bellezza dell’Abbazia. Erfan sente un profondo collegamento con l’anima del luogo e le preghiere nascoste che riposano nei muri lo guidano verso la salvezza. “Ho seguito da vicino le vicende di decine di famiglie afgane rifugiate nel 2021 in Lombardia – spiega il regista -. Il film racconta il dramma esistenziale di una di queste famiglie, evidenziando il ruolo simbolico del luogo che accoglie il loro lutto per la patria. Evitando la narrativa mediatica ho tentato di rendere viva la dimensione emotiva approfondendo gli aspetti individuali di un’esperienza comune a molti.”

 

ll film è prodotto dall’Unione Buddhista Italiana.

Le lampadine di Claudio Morici

Gli incendi di Maicol&Mirco

Agende

Casa editrice

Ultima
Uscita

Eventi

Video

Social

Agende

Casa editrice

Iscriviti alla newsletter di GATE

Resta aggiornato con tutte le ultime novità

In caso di consenso conferito spuntando le caselle sopra riportate, i suoi dati saranno trattati da Unione Buddhista Italiana - UBI, con sede in Vicolo dei Serpenti 4/A – 00184 Roma, nel rispetto della normativa sulla protezione dei dati personali al fine di inviarle all’indirizzo e-mail da lei fornito la nostra newsletter e invitarla a partecipare a eventuali sondaggi. I dati che saranno trattati sono quelli da lei inseriti nel modulo sopra. Potrà in ogni momento revocare il consenso disiscrivendosi tramite il link riportato in calce alla newsletter. Maggiori informazioni in tema di finalità del trattamento, base giuridica, destinatari, termini di conservazione e diritti dell’interessato potranno essere consultati nell’informativa privacy (https://gategate.it/privacy/).