Il portale
dell'Unione Buddhista
Italiana

GATE

Idee

Mizuno Toshikata, Preparazione di una cerimonia del tè (1897)

La diffusione del tè in Giappone e il «Kissa yōjōki»

 

 

 

Nel libro Bere il tè per coltivare e prolungare la vita (Jouvence 2024), sono dettagliatamente analizzate tutte le varie vicende relative alla nomina a «Gon no Sōjō» del bonzo Eisai che, dopo il 1200, ebbe anche occasione di fondare diversi templi tra cui lo Shōfukuji a Hakata, il Kenninji a Kyōtō e lo Jufukuji a Kamakura. L’opposizione del clero Tendai del monte Hiei rese però difficoltosa la diffusione dei suoi insegnamenti ed Eisai dovette guadagnarsi il sostegno del secondo Shōgun, Minamoto no Yoriie (1182- 1204) e di suo fratello Minamoto no Sanetomo (1192-1219). Pur non essendo stato il primo ad introdurre le idee dello Zen in Giappone, ad Eisai viene generalmente attribuito il merito di aver cercato di farne una Scuola indipendente, anche se il nostro bonzo si vide costretto a scendere a compromessi con le altre tradizioni buddhiste presenti nell’arcipelago nipponico; il Kenninji, per esempio, non fu dedicato esclusivamente allo Zen, ma ospitò anche i bonzi del Tendai e quelli del Buddhismo esoterico Shingon.

 

Nella seconda parte del libro viene esaminato il Kissa Yōjōki, il primo testo giapponese interamente dedicato al tè e ai suoi innumerevoli benefici per la salute. Fra l’altro, nell’appendice viene presentata una traduzione integrata degli unici due manoscritti di quel testo: il primo del 1211 e l’altro del 1214. Il manoscritto del 1211, molto diverso per contenuto e forma da quello del 1214 e assai poco conosciuto, è qui tradotto per la prima volta in una lingua occidentale.

 

Il Kissa Yōjōki è un libro ben strano e di difficile traduzione. È un vero e proprio trattato di medicina esoterica basata sul concetto di «shinshin ichinyo», ossia: «mente/spirito e corpo sono un’unica cosa». Un principio estraneo alla moderna medicina occidentale fondata invece sulla dicotomia «corpo/spirito» o per meglio dire «corpo e psiche/anima». Il termine «shinshin ichinyo»[1] secondo il filosofo della religione giapponese Yasuo Yuada (1925-2005), sarebbe apparso per la prima volta nei testi buddhisti dell’epoca Heian, ed Eisai l’avrebbe utilizzato nel suo Kōzen gokokuron per descrivere uno stato meditativo caratterizzato da una intensa e profonda concentrazione («samādhi»)[2]. Secondo Eisai, in quella condizione spirituale: «ogni cosa e tutte le vicende del mondo, vengono abbandonati nell’unità di corpo e mente («shinshin ichinyo»), dove non c’è movimento né immobilità»[3]. In pratica, nel «samādhi» tutti i pensieri e le preoccupazioni del meditante, compresa la percezione dell’esistenza del corpo, scomparirebbero nell’unità indifferenziata del Tutto. Una simile esperienza fu descritta anche dal bonzo Dōgen[4] nello Zazenji («Regole per la meditazione»), un saggio dedicato alle tecniche meditative, e nel Bendowa («Discorso sulla pratica della Via»). I due saggi furono poi inclusi nello Shōbōgenzō [5]. Ma torniamo al Kissa Yōjōki.

 

Secondo la tradizione, Eisai avrebbe redatto la copia del Kissa Yōjōki del 1214 per donarla al terzo Shōgun, Minamoto no Sanetomo spesso afflitto dai postumi di innumerevoli sbornie. Eisai gli avrebbe somministrato un trattamento a base di tè verde e poi gli avrebbe consegnato una copia di quel suo trattato consigliandogli di far spesso uso della preziosa bevanda. Nel libro, il nostro bonzo sintetizzò la visione della salute propria delle dottrine buddhiste con l’arte del bere il tè. Leggendo quel testo, da un’epoca a noi anche culturalmente lontana, Eisai ci guida in un mondo dove si mescolano le dottrine e le tecniche della medicina tradizionale cinese con l’arte di esorcizzare i demoni delle malattie e della mente attraverso l’uso di formule magiche (dhāranī), di magici suoni e di alcuni particolari gesti delle mani (mudrā) del Buddhismo esoterico. In quel libro, parlò del tè, dei suoi usi e delle sue preparazioni farmacologiche, ma combinò quegli argomenti con particolari dottrine probabilmente derivate da trattati di alchimia daoista e complesse visualizzazioni degli organi interni del corpo umano che ritenne fossero abitati da Buddha e da celesti divinità. Eisai, in nome della dottrina delle «corrispondenze» dell’antica medicina cinese, utilizzò la teoria dei «cinque elementi» (acqua, fuoco, terra, legno e metallo) per sottolineare i numerosi effetti benefici che il tè avrebbe avuto sui diversi organi del corpo umano: fegato, cuore, polmoni, reni e milza. Ogni organo si sarebbe mantenuto sano grazie all’equilibrio dei «cinque sapori»: acido, amaro, dolce, piccante e salato: «… il fegato predilige i sapori aspri, i polmoni quelli piccanti, la milza quelli dolci, i reni quelli salati ed il cuore i sapori amari»[6]. In pratica, il nostro bonzo ritenne che mangiando i cibi di un dato sapore si sarebbe rafforzato l’organo corrispondente perché, secondo la dottrina delle corrispondenze, ciascun elemento avrebbe avuto il potenziale di far accrescere o decrescere gli altri elementi. L’acqua, ad esempio, avrebbe potuto promuovere e rafforzare il legno, ma avrebbe inibito il fuoco. Pertanto, in quel quintuplice sistema, se una componente fosse diventata troppo dominante avrebbe contribuito ad una produzione eccessiva della sua energia che avrebbe portato alla diminuzione delle altre e allo squilibrio dell’intero sistema. Così, Eisai affermò che se in una dieta si fossero preferiti solo certi sapori, gli organi corrispondenti a quei sapori si sarebbero rafforzati diventando opprimenti e dominanti a scapito degli altri. Secondo quel bonzo, la dieta giapponese sarebbe riuscita a garantire un sano equilibrio tra quasi tutti i sapori, ad eccezione del gusto amaro. La mancanza di quel sapore avrebbe portato ad un progressivo indebolimento dell’organo cardiaco che sarebbe stato all’origine di un gran numero di patologie. Per integrare quella carenza, il nostro bonzo consigliò il consumo del tè verde, dal gusto amaro e astringente. Il tè verde, correlato all’organo del cuore («shin»; sede della mente e dello spirito) avrebbe garantito l’equilibrio energetico all’interno del corpo, la salute mentale ed una vita lunga, felice ed esente da ogni sorta di malattie[7]. In realtà, il tè verde sarebbe stato utile anche per lenire i danni dell’eccessiva concentrazione mentale prodotta dalle estenuanti pratiche meditative e di visualizzazione. Anche se Eisai, nel Kissa Yōjōki, non parlò specificamente di quell’argomento, crediamo sia utile farne un rapido cenno. Nei trattati di medicina daoista cinese e in quelli sulle tecniche meditative in uso nel Buddhismo Chan, più volte si mise in guardia gli adepti a non sforzarsi eccessivamente durante la meditazione per non fare insorgere stati patologici: depersonalizzazione, ansie, fobie e malattie di ogni genere. Una eccessiva concentrazione mentale, prodotta dalle pratiche meditative e di visualizzazione, avrebbe potuto portare ad un eccesso di «qi» (giap.: «ki»)[8] , cioè di «fuoco» nel cuore (sede dello spirito e della mente). Quell’abnorme incremento di energia nella zona cardiaca («shinka» = «fuoco nel cuore») avrebbe squilibrato tutti gli altri organi e fatto seccare i polmoni (che, secondo la medicina tradizionale cinese e giapponese sarebbero di natura metallica). Quello stato patologico fu chiamato in Giappone «zenbyō», ossia: «malattia dello Zen», oppure «majikyō», cioè «condizione demoniaca». Ecco perché, ancora oggi, in Cina e Giappone, gli adepti dei vari sistemi meditativi in uso sia nel Buddhismo «Chan» che nel Daoismo, nelle pause delle loro pratiche, sono soliti bere alcune tazze di tè verde o assumere pozioni rinfrescanti. Servirebbero a diminuire l’effetto del «fuoco del qi» e a ripristinare l’armonia fisica e spirituale scompensate da meditazioni troppo lunghe o forzate. Delle problematiche connesse alle malattie e ai disturbi derivanti dall’eccesso dell’elemento fuoco durante la meditazione, della sua cattiva circolazione all’interno del corpo umano, e dei rimedi per bloccarne gli effetti nefasti, ne parlò in modo approfondito il bonzo Hakuin Zenji (1686-1769)[9] in due sue famose opere: lo Yasenkanna («Chiacchiere notturne in una barca») e l’Orategama («Il mio bollitore per il tè»). Parleremo di questi argomenti in un prossimo articolo di «Gate».

 

Ma ora torniamo ad Eisai che nel Kissa Yōjōki fornì anche alcune sommarie descrizioni della pianta del tè, delle sue foglie ed i fiori e su come cogliere e lavorare i germogli. Poi, nel secondo fascicolo di quella sua opera, il nostro bonzo si dilungò su altre erbe medicinali ed in particolare sul gelso (giap.: «kuwa»), impiegato anch’esso a scopi terapeutici, magici e soprattutto esorcistici. Per Eisai, il tè fu una straordinaria medicina per coltivare e mantenere la propria salute e uno dei segreti per ottenere una vita lunga, sana e serena.

 

Speriamo che questo libro, Bere il tè per coltivare e prolungare la vita possa interessare non solo agli orientalisti e agli studiosi di medicina tradizionale cinese e giapponese ma anche a tutti gli appassionati cultori del tè.

 

 


 

Note

 

[1] Talvolta il termine «shinshin ichinyo» («mente/spirito e corpo sono un’unica cosa») venne reso cambiando la disposizione dei primi due ideogrammi: «shinjin ichinyo», cioè: «corpo e mente/spirito sono un’unica cosa». Un altro termine che espresse lo stesso concetto fu «shinshin gyōnen», ossia: «cristallizzazione/coagulazione di corpo e mente».

[2] «Samādhi» (cin.: «ding», o: «sanmei»; giap.: «zanmai», oppure: «sanmai»); sinonimo di meditazione profonda o assorbimento meditativo. Sarebbe uno stato di intensa concentrazione che comporta la non discriminazione tra soggetto e oggetto. Nei «sūtra» buddhisti vengono descritti diversi tipi di «samādhi». Il «Kōzen gokokuron» sembrerebbe alludere ad uno stato di fusione con il tutto che comporta l’estinzione di tutte le sensazioni e di ogni percezione.

[3] Citato da: Yasuo Yuada, «The Body: Self Cultivation and Ki-Energy», State University of New York Press, Albany 1993, pag.21.

[4] «Dōgen»; fondatore della Scuola «Sōtō» dello Zen. In gioventù seguì gli insegnamenti di «Myōzen» (1184-1225), discepolo di «Eisai», nel «Kenninji», a «Kyōtō». Poi, si recò in Cina, dove rimase per quattro anni (1223-1227). In Cina fu iniziato da un maestro «Chan» della Scuola «Caodong» (giap.: «Sōtō») e ricevette la trasmissione di quel lignaggio. Vedi: Hee Jin-kim, Dōgen: Mystical Realist, University of Arizona Press, Tucson, 1973; Shaner E. David, The Body-Mind Experience in Japanese Buddhism, Suny Press, Albany/New York 1985.

[5] «Shōbōgenzō», ossia: «Custodia della visione del vero Dharma»; oppure: «Tesoro dell’Occhio del vero Dharma». Un’opera di «Dōgen compilata tra il 1231 ed il 1243, probabilmente verso il 1251, poco prima della morte del suo autore. Nello «Zazenji», il bonzo «Dōgen» affermò che la condizione di unità tra la mente ed il corpo si sarebbe verificata quando entrando nel «samādhi»: «si abbandonano tutti gli impegni e le vicissitudini del mondo. In quel modo, non si deve pensare al bene o al male, perché lo zazen («meditazione seduta») non è un’operazione di coscienza» (Dōgen, «Shōbōgenzō», a cura di Toru Terada, Iwanami shoten, Tōkyō, 1980, pag. 125). Sullo «Shōbōgenzō», vedi anche: Nishiyama K. Kōsen, Shōbōgenzō: The Eye and Treasury of the True Law, 4 voll., Nakayama shobō, Tōkyō1975-83; Tollini Aldo, Pratica e Illuminazione nello Shōbōgenzō. Testi scelti di Eihei Dōgen Zenji, Astrolabio-Ubaldini, Roma 2001.

[6] Calzolari Silvio, Bere il tè per coltivare e prolungare la vita, con in appendice il Kissa Yōjōki del bonzo Eisai (1141-1215), 2024, p. 324.

[7] Calzolari Silvio, Bere il tè per coltivare e prolungare la vita, cit., pp. 329-330.

[8] «Qi». Può essere descritto come la forza vitale fondamentale. È l’energia, il «prana», lo «pneuma», il respiro, l’energia vitale. In un certo senso sarebbe la vera e propria materia della vita. È quello che ci anima, ci dà la vita, ci riscalda, tiene al loro posto i vari organi del corpo, e dirige tutti i nostri movimenti ed i nostri pensieri.

[9] «Hakuin Zenji», nato in una famiglia di «samurai», divenne bonzo nello «Shōinji», un piccolo tempio della Scuola «Rinzai», vicino ad «Hara» la sua città natale, nell’odierna prefettura di «Shizuoka». Scrisse molti libri e fu pittore e calligrafo eccellente.

Idee

Le lampadine di Claudio Morici

Gli incendi di Maicol&Mirco

Agende

Casa editrice

Ultima
Uscita

Eventi

Video

Social

Agende

Casa editrice

Iscriviti alla newsletter di GATE

Resta aggiornato con tutte le ultime novità

In caso di consenso conferito spuntando le caselle sopra riportate, i suoi dati saranno trattati da Unione Buddhista Italiana - UBI, con sede in Vicolo dei Serpenti 4/A – 00184 Roma, nel rispetto della normativa sulla protezione dei dati personali al fine di inviarle all’indirizzo e-mail da lei fornito la nostra newsletter e invitarla a partecipare a eventuali sondaggi. I dati che saranno trattati sono quelli da lei inseriti nel modulo sopra. Potrà in ogni momento revocare il consenso disiscrivendosi tramite il link riportato in calce alla newsletter. Maggiori informazioni in tema di finalità del trattamento, base giuridica, destinatari, termini di conservazione e diritti dell’interessato potranno essere consultati nell’informativa privacy (https://gategate.it/privacy/).